Story

 

Doriano Mattellone è entrato in uno studio di design in punta di piedi e pieno di curiosità nel 2009, dopo aver passato trent’anni in compagnia del legno.

La sua conoscenza del materiale lo ha portato alla ricerca di uno sguardo diverso nei confronti del “suo” materiale, uno sguardo capace di dare vita a un progetto finito.

E’ così che Matteo Ragni e Doriano Mattellone si incontrano. Ed è così che nasce W-Eye, un marchio sotto molti punti di vista straordinario.

Straordinario per la concentrazione di amicizie, di relazioni, di rapporti duraturi e saldi, fatti di stima e progetti.
Straordinario per la qualità professionale delle persone che hanno fatto W-Eye,e fra queste bisogna citare anche Antonio Stella, ottico milanese illuminato e coltissimo, che con poche parole spiega cosa manca a un occhiale perché diventi davvero speciale.

E straordinario, infine, per lo stravolgimento che W-Eye ha portato nel panorama produttivo del nord-est, che in pochi anni si è visto popolare di alternative piene di vita e di futuro, di aziende capaci di affrontare il nuovo senza paura, mettendosi in discussione, facendo propria l’idea di una rivoluzione del fare che trova basi solide nella conoscenza del materiale e nell’esperienza della sua lavorazione.

Doriano Mattellone intuisce con sicurezza la potenzialità dei materiali accoppiati.
Materie nuove, forti, flessibili, che migliorano la natura e ne mettono in luce il meglio.

 

Legno e alluminio servono a questo: a creare un materiale resistente e leggero. Capire cosa farne è un passo ancora successivo, che necessità la capacità di pensare alla forma in modo più libero. Ed ecco che entra in scena Matteo Ragni e, finalmente, nel 2010 W-Eye approda al Mido.

Nel 2011 la montatura W-Eye è selezionata per il Silmo d’Or, il più prestigioso premio al mondo per il settore.

Nel 2013 l’evento si ripete con la montatura King eider realizzata in madreperla  superlativa ® e disegnata da Matteo Ragni.

Nel frattempo W-Eye riceve il Premio nazionale per l’innovazione della Presidenza della Repubblica Italiana.Nello stesso anno è selezionato dall’Adi Design Index 2011. Nel 2012 entra nel museo della Triennale di Milano, che raccoglie i migliori prodotti di design italiano.

Nel 2013 è l’ora del Premio per l’Innovazione dell’ADI Design Index.

Riconoscimenti

2011
Nomination Silmo d’Or 2011: nel 2011, alla prima uscita ufficiale al Silmo di Parigi, W-eye con il modello 204, disegnato da Matteo Ragni, negli splendidi colori della texture arcobaleno, sfogliato di legno prodotto dalla multinazionale Alpi®, ottiene la nomination nella categoria “montature di innovazione e tecnologia”.
2011
Selezione ADI index design: l’Associazione per il Disegno Industriale, che seleziona annualmente il miglior design italiano ha inserito nella pubblicazione dell’anno 2011 nella categoria “design per la persona” gli occhiali in legno W-eye® disegnati da Matteo Ragni.
  2012
Premio Nazionale per l’Innovazione: Il premio istituito presso la Fondazione per l’Innovazione Tecnologica COTEC per concessione del Presidente della Repubblica Italiana, viene assegnato nel 2012 a Matteo Ragni per il progetto W-eye®.
2012
Triennale Design Museum: nel 2012 W-eye® entra nel museo della Triennale di Milano, museo curato dalla istituzione italiana per l’architettura, le arti decorative e visive, il design, la moda e la produzione audiovisiva.
  2013
Nomination Silmo d’Or 2013: nel 2013 al Silmo di Parigi, W-eye con il modello King Eider, disegnato da Matteo Ragni e realizzato legno, alluminio e madreperla  superlativa®, ottiene la nomination nella categoria “montature di innovazione e tecnologia”.
2013
Premio per l’innovazione ADI Design Index: nel ottobre 2013, la Direzione Nazionale di ADI ha assegnato il Premio quale riconoscimento particolare per la caratteristica di innovazione del progetto W-eye.
  2015
Silmo d’Or 2015: Nel 2015 al Silmo di Parigi, W-eye con il modello AIFIR, disegnato da Valentino e Lorenzo Mattellone e realizzato in legno alluminio con particolare cura ai dettagli estetici, vince il premio Silmo d’Or nella categoria “Occhiali da Sole”
  2017
German Design Award Special 2017. Premio speciale 2017 nella categoria lifestyle con il modello AIFIR della linea sole BASALT. La giuria tedesca ha premiato W-eye come occhiale di stile realizzato con una innovativa applicazione tecnica.
Read More…